Archive for gennaio 2011

h1

Quando dormire non riposa

31 gennaio 2011

Un buon sonno è la soluzione migliore per iniziare bene la giornata, ma non sempre questo succede. Spesso il sonno è disturbato da disturbi che possono essere ricondotti alle difficoltà respiratorie. Sempre più persone sono affette da apnee ostruttive o sono “russatori”. Ma chi sono queste persone? La maggior parte di questo gruppo è costituito da persone affette da obesità con disturbi respiratori o in sovrappeso. Non si tratta solo di un disagio legato all’intimità della coppia o che crea qualche imbarazzo a livello sociale. Dagli ultimi studi si è rilevato come i disturbi respiratori legati al sonno costano, ai servizi sociali e sanitari, circa 700 euro ogni anno a cui vanno sommati i costi da sostenere a causa dell’assenteismo, delle riduzioni delle prestazioni lavorative, della sonnolenza diurna sempre più spesso collegata ai rischi di incidenti stradali. Non dimenticheremo, certamente, quanto ogni “russatore” spende in farmaci e cure di vario genere. Arrivare presto alla diagnosi è sicuramente il modo migliore per affrontare il problema, nel frattempo un consiglio può aiutare: perdere i chili di troppo. Tra le terapie più usate attualmente c’è sicuramente la ventiloterapia: si tratta di una mascherina in cui arriva aria a pressione che aiuta la respirazione. Solo raramente, nei casi particolarmente critici, si ricorre alla chirurgia per liberare le vie respiratorie. Comunque sia, qualunque sia il rimedio che è più idoneo per ogni persona e per ogni disturbo specifico, l’importante è non dormirci sù

h1

Sportello di ascolto gratuito

31 gennaio 2011

A CHI È RIVOLTO
• il singolo individuo che affronti un momento di crisi o che comunque possa trarre beneficio dalla relazione con professionisti competenti nel campo psicologico del sostegno, dell’orientamento e della informazione.
• Coppie che desiderino sostegno e orientamento per se stesse o per i propri figli.
• Per genitori e insegnanti può rappresentare uno spazio in cui trovare ascolto e consulenza per capire la natura delle emozioni e delle richieste dei bambini, affinare strumenti di osservazione e comprensione, confrontarsi sulle scelte educative, trovare aiuto e sostegno in situazioni difficili.
• Operatori sociali e infermieri che vogliano elaborare competenze relative alla capacità di relazione e di comunicazione.
• Medici a cui vengano rivolte dai propri pazienti richieste di competenza psicologica come nei casi di sintomi legati all’ansia (tachicardia, tremori, vertigini, senso di soffocamento), sintomi di origine psicosomatica (gastriti, dermatiti, cefalee), di origine psichica, (ipocondrie, disfunzioni sessuali).
• Psicologi interessati ad approfondire la propria competenza attraverso un lavoro di supervisione.
COME SI SVOLGE
II servizio gratuito garantito dallo sportello di ascolto prevede un incontro, improntato al supporto, ali’orientamento, all’informazione, e alla comprensione dei problemi. Qualora durante queste sedute emergesse l’esigenza di intraprendere successivi e più duraturi percorsi di approfondimento, il professionista informerà l’utente sulle varie possibilità di intervento.
CAMPO DI INTERVENTO
Il servizio dello sportello di ascolto permette di far fronte ad una vasta gamma di problematiche.
Generalmente i temi più frequentemente affrontati presso lo sportello di ascolto sono:
• Ansia e attacchi di panico
• Dispersione scolastica e bullismo
• Sindromi da stress
• Disturbi dell’umore
• Problemi relazionali
• Disturbi psicosomatici e di origine multifattoriale (cefalee, gastriti, dermatiti, ecc)
• Disturbi sessuali
• Problemi di coppia
• Mobbing
• Stalking
• Disturbi della alimentazione
• Qualsiasi istanza di natura psicologica

Per informazioni e contatti rivolgersi ai numeri: Dott.ssa Bove tel. 3477529263 – Dott.ssa Bordoni 3472886205 – oppure inviare una mail all’indirizzo: armoniosa-mente@libero.it

h1

Il Mobbing

29 gennaio 2011

Il mobbing è “una forma di terrore psicologico sul posto di lavoro, esercitata attraverso comportamenti aggressivi e vessatori ripetuti, da parte dei colleghi o superiori” , un insieme di comportamenti violenti (abusi psicologici, angherie, vessazioni, demansionamento, emarginazione, umiliazioni, maldicenze, ostracizzazione, etc.) perpetrati da parte di uno o più individui nei confronti di un altro individuo, prolungato nel tempo e lesivo della dignità personale e professionale nonché della salute psicofisica dello stesso. I singoli atteggiamenti molesti non raggiungono necessariamente la soglia del reato né debbono essere di per sé illegittimi, ma nell’insieme producono danneggiamenti plurioffensivi anche gravi con conseguenze sul patrimonio della vittima, la sua salute, la sua esistenza.

Read the rest of this entry ?

h1

Binge Drinking: il nuovo “sballo”

27 gennaio 2011

Il BINGE DRINKING è un nuovo comportamento compulsivo che spopola tra i più giovani. Si tratta di un’ abbuffata di bevande alcoliche del tutto simili a quelle che caratterizzano la bulimia.  Il consumo è molto al di sopra delle normali caratteristiche di tolleranza (almeno di 5, 6 bicchieri) e l’alcool è spesso ingerito in modo rapido, senza sorseggiare, trangugiando tutto d’un fiato. In tal modo non vi è soltanto la pericolosità indotta dalla quantità eccessiva della sostanza tossica, ma anche quella dovuta alla modalità di ingestione, la quale amplifica l’impatto negativo sulla capacità e sulla salute sia psico-cognitiva, che organica.

Read the rest of this entry ?

h1

S.O.S. Burnout

25 gennaio 2011

Il burnout è una «forma di stress interpersonale che comporta il distacco dall’utente» causato dalla continua tensione emotiva provocato dal contatto con persone che portano una richiesta di aiuto. E’ da precisare che la sindrome non colpisce soltanto i soggetti impegnati in specifiche professioni socio-sanitarie, ma viene percepito da tutti coloro che lavorano a stretto contatto con persone per lunghi periodi di tempo. Questa sindrome viene normalmente definita come una esaurimento emotivo, di depersonalizzazione e di ridotta realizzazione personale.

Read the rest of this entry ?

h1

IL TEST DI RORSCHACH SECONDO IL SISTEMA COMPRENSIVO DI J.E. EXNER

24 gennaio 2011

Il Sistema Comprensivo di Exner è per le sue caratteristiche psicometriche il metodo di siglatura e interpretazione del Rorschach più diffuso a livello internazionale.

Per avere maggiori informazioni scarica la Brochure_Corso_Rorschach_Metodo_Exner allegata.

h1

CORSO DI FORMAZIONE IN PSICODIAGNOSI

24 gennaio 2011

Questo corso di formazione psicodiagnostica si propone di fornire strumenti validi e tecniche di indagine utili per coloro che operano o desiderano operare nei diversi settori della Psicologia.

Per maggiori informazioni scarica la Brochure_Corso_Psicodiagnosi allegata

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: