h1

Binge Drinking: il nuovo “sballo”

27 gennaio 2011

Il BINGE DRINKING è un nuovo comportamento compulsivo che spopola tra i più giovani. Si tratta di un’ abbuffata di bevande alcoliche del tutto simili a quelle che caratterizzano la bulimia.  Il consumo è molto al di sopra delle normali caratteristiche di tolleranza (almeno di 5, 6 bicchieri) e l’alcool è spesso ingerito in modo rapido, senza sorseggiare, trangugiando tutto d’un fiato. In tal modo non vi è soltanto la pericolosità indotta dalla quantità eccessiva della sostanza tossica, ma anche quella dovuta alla modalità di ingestione, la quale amplifica l’impatto negativo sulla capacità e sulla salute sia psico-cognitiva, che organica.

I soggetti a maggior rischio  di queste abbuffate sono gli adolescenti che le vivono come una sfida di “chi beve di più e regge meglio”, il tutto, naturalmente, nel minor tempo possibile. Spesso il Binge Drinking si verifica in concomitanza di party, feste di fine corso di studi, eventi musicali o sportivi, serate in discoteca, etc.; in altre parole esso è più probabile in situazioni sociali, piuttosto che quando l’individuo è da solo, tanto da far sì che questa compulsione si sovrapponga al social drinking.

Binge drinking è associato ad un profondo danno sociale, alti costi economici ed ad un aumento di malattie. Si tratta di un comportamento più comune nei maschi, durante l’adolescenza e età adulta. Tra le donne in gravidanza (circa una su 25) queste “abbuffate” possono portare alla sindrome alcolica fetale e disturbi dello spettro fetale alcolico.

Gli effetti negativi di questa “abbuffata” ha ripercussioni sia a livello neurologico che cardiaco, gastrointestinale, ematologico, sul sistema immunitario, muscolo-scheletrico, così come l’aumento del rischio di alcol induca a disturbi psichiatrici. Non dimentichiamo, infatti, che le sbornie lasciano il proprio “marchio” nel cervello facendo crescere il rischio di accusare problemi psicologici come disturbi dell’umore, in particolare depressione, disturbi del sonno, disturbi sessuali e ansia. Possono presentarsi anche problemi di performance cognitive, come problemi di concentrazione, apprendimento e memoria (sia a lungo, che a breve termine), con pericolosi sbandamenti dell’attenzione e vuoti mnemonici non solo nelle attività scolastiche o lavorative, ma anche nelle attività di tutti i giorni.

Le baldorie alcoliche durante l’adolescenza sono spesso associate ad incidenti, specie quelli stradali, comportamenti violenti e suicidi. Logicamente, quanto più spesso un giovane si dedica al binge drinking, tanto più alte sono le possibilità  che si sviluppino disturbi legati all’abuso di alcol e di altre sostanze psicotrope.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...