h1

Tale madre tale figlia

28 marzo 2011

Le dive esibiscono i loro figli vestiti come piccoli adulti e dai modi perfetti, comprando loro accessori di moda, ed esibendoli come piccoli trofei. Ma questo comportamento non è di esclusivo appannaggio dei vip, purtroppo anche nella vita reale vediamo delle mamme con accanto dei piccoli “replicanti”, delle fotocopie in piccolo.

Dietro questo comportamento, si nascondono degli adulti problematici, che non hanno vissuto felicemente la loro infanzia e adolescenza e che cercano, attraverso i figli, di recuperare quello che non hanno avuto. Alle volte queste madri (questo fenomeno colpisce di più le donne), utilizzano i figli come appendici di loro stesse, esibendoli, abbigliandoli per esporli. Altre volte invece invadono la gioventù, l’adolescenza dei figli, cercando di dimenticare del tempo che passa, e così “rubano”  i modi di fare, di dire, insomma i codici tipici di un’età non più loro. In questo modo i figli rimangono schiacciati dal protagonismo di queste madri, non sono loro i personaggi principali dell’attenzione della madre stessa, che invece dovrebbe essere concentrata sul benessere dei figli. Spesso anzi, si viene a creare competizione tra madre e figlia, una rivalità che non porta da nessuna parte e che vede la madre comportarsi come un’adolescente e rubare gli amici e la scena alla figlia.

Nello sviluppo dei bambini si assiste ad una fase di imitazione degli adulti, in cui i bambini appunto si vestono e si comportano come i genitori. Ma questa fase, è normale, è limitata nel tempo e soprattutto è stabilita dal bambino sottoforma di gioco.

  • E’ fondamentale per garantire un sano sviluppo dei propri figli, che il genitore si comporti come tale, che non utilizzi i propri figli per raggiungere scopi o sogni che non ha potuto realizzare a suo tempo.
  •  E’ importante che conosca le fasi di sviluppo dei figli, per permettere loro di svilupparsi e crescere seguendo i propri tempi, senza interferire, senza costringerli a seguire mode, tendenze o sogni non loro.
  • E’ importante che il genitore stabilisca delle regole, dei limiti ai propri figli, che si riappropri del proprio ruolo di genitore, appunto, e non di amico.

Fare il genitore, lo sappiamo, è il mestiere più difficile del mondo, non sono previste scuole né tirocini, eppure è la chiave di volta dell’architettura sociale e del benessere individuale.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...