h1

FA PARTE DELLE NOSTRE RADICI

27 luglio 2011

L’istinto della possessione sfocia in emozioni “di pancia”, reazione che affonda le radici nella natura dell’uomo.  Come l’amore, l’odio, la gioia, anche la gelosia è un sentimento rintracciabile in tutti i tempi e in tutte le culture. In passato era legittimata; durante gli anni della liberazione sessuale è stata rinnegata e nascosta; oggi la riscopriamo e talvolta la consideriamo benefica per la coppia. La gelosia è la paura che il nostro oggetto d’amore possa, abbandonarci, trascurarci, rifiutarci preferendo qualcun altro a noi. È questo il tarlo che tiene continuamente il geloso in uno stato di allerta, con dubbi e sospetti. Secondo studi antropologici, la gelosia sarebbe nata circa un milione e mezzo di anni fa, nelle pianure africane. Sembra trattarsi di un comportamento connesso all’istinto di sopravvivenza e legato alla protezione che l’uomo dava alla madre dei propri figli e al territorio che gli dava la sussistenza; ma che anche la donna aveva nei confronti dell’uomo portatore di risorse.

Annunci

One comment

  1. In realtà, , il possessivo rimane possessivo, il geloso continuerà a rodersi, chi ama la solitudine continuerà ad amarla ecc. ciò che potrà accadere è che il possessivo potrà smettere di attivare comportamenti per ingabbiare gli altri (e spesso ottenere l’effetto contrario), ma cercare direttamente le attenzioni di cui ha bisogno; il geloso potrà accettare la reversibilità delle relazioni e quindi apprezzare il piacere di dare attenzioni per mantenere l’interesse su di sè piuttosto che cercare di limitare gli altri o scivolare in richieste pretenziose; il solitario potrà crearsi consapevolmente dei momenti di solitudine cenestetica, uditiva, ecc., piuttosto che rendersi insopportabile alle persone, con il vantaggio di poter uscire a proprio piacimento dalla solitudine e non finirci ingabbaito … Tutto questo non ci rende migliori nè degli altri nè di noi stessi, semplicemente la consapevolezza sorretta da una coerente ridecisione ci consente di viverci con maggiore accettazione, ma potremo continuare a risultare sgradevoli a chi non apprezza la possessività, la gelosia, la solitudine, ecc.
    Citando le esemplificazioni precedenti possiamo dire che la persona possessiva, gelosa, solitaria, ecc. una volta che ha preso consapevolezza della parte egoica coinvolta ed elaborato una alternativa, immagina di non soffrire più per la sua possessività, gelosia, solitudine, ecc. falso!!!



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...