Archive for the ‘Vivere insieme: guida alla soppravivenza’ Category

h1

Il letto: il lato divertente della convivenza

27 luglio 2011

Molto spesso il letto è il luogo dove emerge il lato divertente della convivenza . E’ anche il luogo dove si può essere offesi, furiosi, delusi, a luci spente.

Quando le persone sposate e/o conviventi parlano di sesso con gli altri, sono quattro i temi ricorrenti:

  • le donne si raffreddano più in fretta degli uomini;
  • alcune non si eccitano mai;
  • le donne comprendono che gli uomini sono vittime della loro stessa anatomia, ma chi ha tempo per questo quando c’è da pulire il forno?
  • gli uomini non capiscono niente.

Il sesso dovrebbe essere bello e divertente, e nella coppia anche esclusivo; e se godete di buona salute, dovrebbe essere regolare.

All’inizio della storia è sicuramente eccitante e interessante. Con il tempo dovreste renderlo più interessante. Infatti, nella coppia, dopo qualche anno, la sessualità perde lo slancio iniziale. Due sono i motivi principali: lo stress delle popolazioni industializzate (“il sesso non vuole pensieri” dicono a Napoli) e l’istinto di accoppiamento maschile.  Per permettere la massima riproduzione della specie, infatti, l’uomo è portato a cercare e fecondare donne sempre diverse. Le donne lo considerano un alibi, ma per gli uomini è un “supplizio”. Pensate un pò se capitasse alle donne di cercare uomini diversi per eccitarsi… quando succede gli appellativi utilizzati non perdonano….!!

Per fare molto sesso quindi, bisognerebbe non essere sposati e vivere in una piccola cittadina di provincia.

to be continued…

 

 

h1

E’ la volta dei parenti!

27 luglio 2011

Quando sposate qualcuno sposate il suo passato, le sue radici, e naturalmente i suoi parenti!

All’inizio la famiglia sarà una piacevole curiosità da scoprire, un funzionale cambiamento rispetto alla vostra… Quello zio strano che se fosse vostro vi farebbe morire dalla vergogna; la nonna che racconta sempre storie sull’infanzia della vostra metà; la zia fattucchiera che, leggendoti la mano dice che siete fatti l’uno per l’altra, che avrete tanti figli e che vivrete felici e contenti per tutta la vita, mentendo, naturalmente, al solo scopo di piazzare il nipotino; il fratello scapolo che si è fatto cinque cameriere, tre colf e sette badanti, obbligando tutti a cambiarle continuamente, etc.

Ma il vero fulcro di tutto sono i genitori! Read the rest of this entry ?

h1

Amore e cattive abitudini

14 marzo 2011

Lui e lei si sono incontrati, innamorati e si sono “avvicinati”. Incontri ravvicinati con i capelli nel lavandino e calzini sporchi ovunque. E’ tutta una questione di aspettative: questa è l’essenza del vivere insieme. Quello che si può fare è collocare nella giusta prospettiva le brutture che si possono sopportare.

Read the rest of this entry ?

h1

Dai tacchi alle pantofole

7 marzo 2011

Due si incontrano, si piacciono e subito Cupido corre a scoccare la sua bella freccia  colpendo i due malcapitati. Ecco che inizia l’amore romantico. Si tratta di una specie di giro di giostra: come sulle montagne russe si gusta il momento delle meraviglie e subito dopo si cade bruscamente. Il matrimonio, invece, è l’esatto contrario: la sua base è la familiarità e l’abitudine. Insomma: si passa dai tacchi alti alle pantofole. A questo punto, quando si ritiene che il partner valga la pena, la domanda da fare è: “questo dispensatore di beatitudini ha la stoffa della pantofola?”, ma badate bene che per fare un paio di pantofole ne servono due. Come si riconosce la pantofola della propria vita? Bè, regole non ce ne sono, niente consigli e nessun vademecum. L’unica cosa da fare è rimanere a guardare, dare ascolto all’istinto e ai buoni amici. Quello che, però, si può dire è che, apparentemente, più si resta sposati minori sono le possibilità di divorziare, una sorta di “ormai siamo in ballo, balliamo”. Ma sarebbe anche come dire: “se la nave affonda iscriviamoci ad una gara di ballo sul ponte principale”una bizzarra logica.

h1

Io e te tre metri sopra il cielo… ma un solo paracadute!

14 febbraio 2011

Vi è una lunga lista di ragioni per scegliere di stare in coppia: morali, finanziarie, sicurezza, bambini…

Sesso senza doverlo cercare…

Ma diciamoci la verità,  molti di noi si “accoppiano” per una semplice ragione: non vogliamo rimanere soli!

La coppia è un imperativo biologico, anche se i single si dividono in chi vuole rappresentarla come una condizione invidiabile e chi la vede come una vera e propria tirannia.

Read the rest of this entry ?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: